Stagionalità frutta e verdura: perchè è importante?

Nutrizione

nutrizionista GenovaMi viene chiesto spesso, quando consegno il piano alimentare, perchè non ho inserito una particolare verdura o un particolare frutto: in genere cerco sempre di inserire la frutta e la verdura che è di stagione al momento della consegna della dieta..ma perchè è bene rispettare la stagionalità?

Per me è importante fornire al cliente anche alcune nozioni di educazione alimentare per mangiare in modo sano e corretto e mangiare i prodotti di stagione apporta numerosi benefici, vediamoli insieme:

  1. Il portafoglio ringrazia, in quanto in genere i prodotti di stagione richiedono meno consumo di energia per farli crescere e maturare e soprattutto non vengono trasportati per molti chilometri: tutto questo fa ridurre molto i costi per il consumatore (e l’inquinamento)
  2. Le piante che seguono il normale ciclo di vita sono molto più ricche di nutrienti e principi attivi
  3. Le piante costrette a crescere in periodi fuori stagione in genere sono più deboli e in genere maggiormente più vittime di insetti indesiderati, pertanto viene utilizzata una quantità maggiore di pesticidi. Inoltre le piante che crescono nelle serre sono coltivate con la luce artificiale e fatte maturare in apposite celle frigorifere
  4. In conseguenza a quanto detto sopra, la coltivazione di prodotti fuori stagione ha un maggiore impatto ambientale in termini di inquinamento
  5. La frutta e la verdura di stagione sono molto più gustose

Non dimentichiamo inoltre che la natura ci fornisce al momento giusto quello di cui abbiamo bisogno.

Ad esempio in primavera è importante disintossicare il corpo dopo l’inverno e la natura ci offre piante che hanno questa azione come ad esempio il carciofo e le insalate amare, e frutta come le fragole e le ciliegie che hanno proprietà diuretiche e disintossicanti.In estate la frutta e la verdura sono ricche di acqua, sostanze antiossidanti e sali minerali per difendersi dal caldo mentre in autunno quando la temperatura si abbassa e il nostro organismo spende più energia, la natura ci offre frutta e verdura più ricca di zuccheri. In inverno, quando le difese immunitarie si indeboliscono abbiamo a disposizione frutta e verdura ricca di vitamina C.

Adesso che siamo in primavera possiamo consumare arance, kiwi, limoni, mele, pere, pompelmi e ad aprile arriveranno anche le fragole e le nespole; per quanto riguarda la verdura abbiamo asparagi, bietole da coste, carciofi, carote, broccoli, cavolfiori, cavoli, cicoria, cipolline, finocchi, insalata, patate, radicchio, rape, sedano, spinaci e ad aprile anche aglio e ravanelli.

Sulla mia pagina facebook troverai mensilmente tutti gli aggiornamenti sulla stagionalità della frutta e della verdura e durante gli incontri di approfondimento presso il mio studio, a Genova, una sessione sarà dedicata proprio a questo tema.

Potrebbe interessarti anche

Educazione alimentare

Educazione alimentare

Cosa significa fare educazione alimentare? L’educazione alimentare è il cuore del mio lavoro, il risultato di anni di esperienza. Fare educazione alimentare vuole dire insegnare a vivere la propria...

leggi tutto
Mangiare o nutrirsi?

Mangiare o nutrirsi?

In questa pausa legata alle festività natalizie mi sono dedicata alla conclusione di un libro dal titolo “Quiet il potere degli introversi in un mondo che non sa smettere di parlare”, di Susan Cain;...

leggi tutto
Lo sport fa ingrassare?

Lo sport fa ingrassare?

Quando si parla di stile di vita “sano” in genere si fa riferimento ad una sana alimentazione ed al movimento. Lo stesso Istituto Superiore di Sanità ha diramato delle linee guida per spiegare...

leggi tutto