Home 9 News 9 Gli agrumi: potenti alleati per la linea e per la salute

Gli agrumi: potenti alleati per la linea e per la salute

News, Nutrizione

Gli agrumi, e quindi arance, limoni, mandarini, pompelmi, lime, pomelo,mandaranci sono frutti che in questo momento dell’anno sono di stagione e che sono un vero e proprio toccasana per la salute.

Hanno molte proprietà, da quelle più note, ovvero cura e prevenzione per i malanni di stagione, fino a quelle in corso di studio, come quella pubblicata ad aprile 2017 sul British Journal of Nutrition in cui si presuppone che gli agrumi aiutino a ridurre il rischio di sviluppare demenza, qui il link all’articolo.

Scopriamone quindi insieme caratteristiche e proprietà.

Arancia

I primi riferimenti a questo agrume risalgono ad antichi testi cinesi, e la sua prima coltivazione risale al IX secolo in Medio Oriente; fu introdotta in Europa solo qualche secolo più tardi da esploratori e mercanti.

Caratteristiche e proprietà nutrizionali

Un arancio di medie dimensioni pesa circa 150 gr e contiene

  • 1,05 gr di proteine
  • 0,3 gr di lipidi
  • 11,7 gr di carboidrati

per un totale di 51 kcal.

Inoltre in questo arancio troveremo circa 75 mg di vitamina C, che ricoprono il fabbisogno medio di un maschio adulto (LARN, 2014).

L’arancio inoltre è una fonte di flavonoidi, fibre, vitamine del gruppo B, caroteni, pectina e potassio.

I flavonoidi sono potenti antiossidanti che, consumati insieme alla vitamina C, vanno a sostenere il lavoro del sistema immunitario.

L’arancia è utile per chi ha alti livelli di colesterolo nel sangue per la presenza di pectina, è utile a chi soffre di stitichezza per il buon contenuto di fibre ed è utile al corpo per combattere infezioni virali quali influenza, raffreddore, mal di gola.

Curiosità: tra i vari falvonoidi ne è presente uno, l’esperidina, dotata di azione antiinfiammatoria e tonificante dei vasi sanguigni: un alleato per combattere la cellulite!

agrumi nutrizionista GenovaE’ importante fare attenzione in quanto le arance, come tutti gli agrumi, possono dare reazioni allergiche.

Dell’arancia si consuma la polpa, spesso come spremuta preparata al momento, gradevole anche in insalata con verdure crude.

Limone

Questo agrume è originario del sud della Cina e del sudest asiatico e venne poi importato in medio Oriente e da qui nel sud Europa e nelle Americhe; la sua richiesta incrementò notevolmente dopo che si scoprì che poteva curare lo scorbuto, una malattia dovuta alla mancanza di vitamina C.

Caratteristiche e proprietà nutrizionali

100 gr di limone contengono

  • 0,6gr di proteine
  • 2,3 gr di zucchero

per un totale di 11 kcal

Il quantitativo di vitamina C è pari a 50 mg.

Oltre alla vitamina C il limone contiene vitamine del gruppo B e potassio.

Del limone in cucina si usa il succo come condimento di carne, pesce e verdure mentre la scorza viene utilizzata ad esempio nei dolci (attenzione che provengano da coltivazioni biologiche).

Curiosità: condire gli alimenti di origine vegetale con il limone aiuta ad assorbire meglio il ferro che contengono

Il limone ha un comportamento anfotero: è cioè in grado di neutralizzare sia l’eccesso di alcali che di acidi.

agrumi nutrizionista GenovaE’ importante fare attenzione in quanto il limone, come tutti gli agrumi, può dare reazioni allergiche.

Pompelmo

E’ un agrume notato per la prima volta nelle Barbados nel 1750 e si pensa sia un ibrido tra arancia e pomelo.

Caratteristiche e proprietà nutrizionali

100 gr di pompelmo contengono

0,6 gr di proteine

6,2 gr di zuccheri

per un totale di 26 kcal.

Il contentuto di vitamina C è di 40 mg.

Come gli altri agrumi, il pompelmo contiene flavonoidi, fibre, potassio, acido folico e diversi fitochimici.

Ho trovato molti studi che parlano del ruolo della pectina del pompelmo nel ridurre i livelli del colesterolo nel sangue andando a ridurre il rischio di insorgenza di malattie cardiache; il suo consumo, inoltre, può contribuire a ridurre il rischio di sviluppare malattie tumorali.

agrumi nutrizionista GenovaIl pompelmo contiene molecole che vanno ad agire sul CYP3A del fegato interferendo con la metabolizzazione di alcuni farmaci: è sempre bene farsi consigliare dal proprio medico nel caso si stiano assumendo medicine. Come gli altri agrumi può dare reazioni allergiche in soggetti sensibili.

 

Mandarini, mandaranci, lime hanno propretà analoghe a quelle degli agrumi sopracitati.

Vorrei però fare una particolare menzione ai mandarini e alle loro caratteristiche nutrizionali: 100 gr di mandarini contengono

  • 0,9 gr di proteine
  • 0,3 gr di lipidi
  • 17,6 gr di zuccheri

per un totale di 72 kcal…

attenzione a non eccederne con il consumo!

Spesso infatti mi sento dire “ma la banana la posso mangiare?” Questo perchè la banana è identificata come un frutto molto calorico, ma a parità di peso contiene 65 kcal, meno quindi del mandarino. Questo per dire di fare attenzione ai falsi miti e di assicurarsi sempre della fondatezza delle notizie che si leggono o che vengono riportate e soprattutto

ben venga il consumo della frutta ma nelle quantità e nelle modalità indicate dal proprio nutrizionista.

Ad esempio io consiglio di consumare la frutta come spuntino, che diventa così un salutare  e gustoso spezza fame, o eventualmente 30 minuti prima del pasto principale.

E’ bene invece non consumarla a fine pasto per evitare spiacevoli fenomeni di fermentazione e avere quindi una fastidiosa sensazione di gonfiore.

Consiglio di scegliere sempre frutta di stagione per due motivi importanti: il primo legato al fatto che ogni frutto è utile nella stagione in cui viene prodotto; ad esempio gli agrumi, proprio perchè ricchi di vitamina C sonono utili in inverno quando il corpo ha maggiore necessità di proteggersi dalle malattie da raffreddamento, oppure l’anguria, ricca di acqua, aiuta d’estate a mantenere il corpo idratato. Il secondo motivo è legato ad una maggiore sostenibilità della coltivazione.

 

 

(Enciclopedia della Nutrizione Michael Murray, Joseph Pizzorno, Lara Pizzorno ED Tecniche Nuove)

Potrebbe interessarti anche